Decisiva l’ultima ps Breen recupera 11” Skoda batte Ford e vince il Sanremo
15 Aprile 2019
Il Campagnolo attende i big Lucky è il pilota da battere
21 Maggio 2019

Lucky, trionfo “storico” a Sanremo

rally sanremo

Il Giornale Di Vicenza (28/04/2019)

A una prova dalla fine il risultato, creduto in cassaforte sino a quel momento, si è improvvisamente riaperto. Appena 4″ tra i battistrada, Lucky e gli immediati inseguitori Da Zanche-Luis. Colpa del meteo incertissimo, che ha sparigliato le carte, costringendo i piloti a scelte di gomme azzardate. Teatro del thrilling la prova di Testico, bersagliata a tratti dall’acqua. Più di 20 chilometri con gli ingredienti perfetti per rendere incertissimo un rally di Sanremo storico comandato dall’inizio dal pilota vicentino.

Una marcia trionfale, quella della Lancia Delta Integrale 16 V di Luigi Battistolli, iniziata alla grande sulla speciale d’apertura di Vignai e via via resa più trascinante dalle successive prove tanto che allo start della prima tappa Lucky-Pons conducevano il rally con oltre 15″sulla Porsche 911 Sc gruppo B di Da Zanche-Luis e di 1’14 sulla Subaru Legacy Sedan dei palermitani Riolo-vincitori del Vallate Aretine.

Negri-Porsche 911 RS, ancora più staccati, quarti addirittura a 2’15. Alla ripresa delle ostilità Gigi Lucky Battistolli infilava le prime tre prove una dietro all’altra portando il vantaggio su Da Zanche a quasi mezzo minuto mentre il resto della compagnia era abbondantemente oltre due giri di lancetta. La tattica consigliava di amministrare il bottino. Invece la pioggia ha costretto tutti a cambiare in fretta e furia strategie e gomme prima del Testico. Ad avvantaggiarsi enormemente è stato proprio Lucio Da Zanche che potendo montare le Pirelli D7 particolarmente performanti su asfalto bagnato o umido, ha dato fondo al suo spettacolare repertorio infliggendo distacchi abissali a tutti. Lucky, affidandosi alle D5 perché non ci sono le D7 per cerchi da 17 pollici, s’è difeso con tutta la grinta di cui è capace, sapendo che all’avversario avrebbe concesso una vita.

Il suo vantaggio è diminuito mentre aumentavano i chilometri, cedendo al portacolori del Rally Club ben 23″mentre Bertinotti, terzo con la sua Porsche, di secondi ne ha persi addirittura 54″Lucky e Da Zanche si sono trovati all’inizio dell’ultima prova, Colle d’Oggia separati di un niente. Uno sceneggiatore di gialli non avrebbe saputo far meglio. Entrambi, solleticati dall’oro in palio, hanno dato tutto quello che avevano spremendo le cavallerie della Delta e della Porsche, inscenando uno spettacolo che i tifosi ricorderanno a lungo.

Sul colle che domina Sanremo non si sono risparmiati mordendo l’asfalto pennellando le curve, intraversando le macchine. Una sfida finita pressoché in parità in quanto lo scratch di Lucky è stato solo di un decimo di secondo migliore di quello dell’avversario Così, con 4″di vantaggio Lucky e Fabrizia Pons hanno apposto la loro firma sul Sanremo, passando in testa al campionato tricolore e incrementando il vantaggio in quello europeo. A Da Zanche la soddisfazione di aver messo in crisi un grande campione mentre Davide Negri con il terzo posto a 3’25 s’è assicurato un bronzo che alla vigilia avrebbe sottoscritto a occhi chiusi. Prossimo appuntamento tricolore il Rally Campagnolo in calendario il 1°giugno con partenza da Vicenza e traguardo a Isola. Classifica. 1.Lucky-Delta Integrale 1’43 Da Zanche-Luis Porsche 911 Sc a 4″3.Negri-Porsche 911 Rs; 4 Bertinotti-Porsche 911 Srs a 4’46 5 Lombardo-Porsche 911 S a 5’02.