Lucky non fa sconti Vince pure in Austria e vola nell’Europeo
22 Luglio 2019
Rally Alpi Orientali Historic
Ciras: bis per Da Zanche
2 Settembre 2019

GRAND’Italia

Grace (19/08/2019)

Lucky“- Pons dominano la gara austriaca passando al comando in campionato, sul podio anche “Zippo”- Piceno mentre nei raggruppamenti i nostri piloti si mettono in evidenza.

L’Austria porta bene ai rallysti italiani. A metà luglio le strade della Stiria hanno ospitato il quinto appuntamento stagionale del Campionato Europeo Rally Auto Storiche, il Rally Weiz composto da quattordici prove speciali suddivise su due tappe per un totale di 160 chilometri cronometrati.

Il tricolore sventola sul pennone più alto grazie a “Lucky” e Fabrizia Pons che, con la loro Lancia Delta Integrale, hanno preso il comando già nella prima prova speciale per non lasciarlo più fino al termine. Un risultato importante per il vicentino perché nella classifica di campionato supera lo svedese Mats Myrsell, costretto al ritiro. Lo scandinavo, affiancato dal connazionale Esko Junttila, ha dovuto fermarsi nella PS4 quando occupava la terza posizione nella graduatoria generale: è arrivato lungo sul fondo umido picchiando contro un terrapieno e danneggiando la scocca della sua Porsche 911

Gruppo B. AUDI DA PODIO Nella generale “Lucky”-Pons hanno chiuso con un margine di 1’46″7 su un altro equipaggio italiano, quello formato da Andrea “Zippo” Zivian e Denis Piceno con l’Audi quattro. Finalmente la tedesca non ha denunciato problemi, come negli appuntamenti precedenti, ed il pilota di Valenza ha potuto portare a casa un piazzamento prestigioso e la vittoria nel terzo raggruppamento. «Sono molto contento per il risultato – sottolinea “Zippo” – siamo stati competitivi. A noi interessava la vittoria di gruppo portando a casa tanti punti per il campionato e soprattutto trovare quell’affidabilità e continuità di risultati che sino ad oggi era mancata».

A completare il podio assoluto i padroni di casa Karl Wagner e Gerda Zauner, Porsche 911 SC, che hanno chiuso a quasi cinque minuti dalla vetta.

SUGLI SCUDI Quarta piazza per l’affiatato equipaggio friulano composto da Paolo Pasutti e Jean Campeis con la loro abituale Porsche 911 Carrera RS che hanno conquistato il successo nel Raggruppamento 2 rosicchiando qualche punto nella classifica di campionato ai belgi Carlo Mylle e Steven Vyncke, Porsche 911, che hanno chiuso alle loro spalle. Appena fuori dai primi dieci hanno terminato Maurizio Pagella e Roberto Brea, Porsche 911 SR, che hanno conquistato un buon terzo posto nel Raggruppamento 2 mentre il quinto è per la 911 di Mirko Acconciaioco e Francesco Zambelli, quindicesimi nella generale.

Subito dietro di loro nell’assoluta e nel raggruppamento ci sono i friulani Pietro Corredig e Sonia Borghese con l’abituale Bmw 2002 Tii. Secondo posto nel primo raggruppamento e diciannovesima piazza all’arrivo per Antonio Parisi e Giuseppe D’Angelo con la Porsche 911 S. Nello stesso raggruppamento si sono classificati sesti e venticinquesimi al traguardo, Carlo Fiorito e Marina Bertonasco con la Bmw 2002 Ti.

NOTE AMARE Chi non compare nell’ordine d’arrivo sono Alberto Battistolli e Gigi Cazzaro che per la gara austriaca avevano deciso di fare esperienza con la Ford Sierra Cosworth 4×4 Gruppo A della Historic Racing Motorsport. Purtroppo il week end del giovane figlio d’arte è cominciato con problemi al cambio nei test pre-gara ma il loro rally è durato poco dato che sulla prima prova speciale hanno rotto la turbina. Sono ripartiti il giorno dopo con il superally ma sulla quinta PS di giornata la rottura di un tubo dell’olio li ha costretti alla resa definitiva.